Barzellette su Pierino

Molti fan del mio sito mi hanno contestato un po' il fatto che non ci sono delle barzellette su Pierino, il personaggio umoristico più popolare d'Italia (va be', dopo i carabinieri, naturalmente). Per colmare questa lacuna, con qualche anno di ritardo, più precisamente 6 anni dopo l'apertura di questo sito dedicato al divertimento, eccola qui, la pagina web dedicata a Pierino.
Barzellette
Pagina iniziale
Sesso
Barzellette Varie
Genovesi
Carabinieri
Ancora Barzellette
Sugli animali

Mailing Lista
una barzelletta gratis alla settimana

Foto Buffe


Casinò
Giochi
Barze
Detti Divertenti
Vostre Barzellette
Humor Nero
Barzellette su Pierino
Webmaster
Gay
Extracomunitari
Storielle Divertenti
Coraggioso
Elefanti
Barzellette bionde
Cani
Barzellette Nuove
Schifose
Barze sfuse
Fidanzati
Uomini
Donne
Barzellette illustrate
Mariti e mogli
Barzellette brevi
Link
Molte opere sono state presentate al concorso per la migliore fotografia sul tema "La vita di oggi" e la giuria ha avuto il difficile compito di scegliere il vincitore. Alla fine, tutti all'unanimità hanno convenuto che la foto migliore fosse quella di Pierino. La sua foto mostrava un uomo con una maschera antigas sul prato di una vecchia casa in rovina. L'uomo tiene in una mano un preservativo e nell'altra una rosa. Alla cerimonia finale, il presidente della giuria presenta la fotografia e la commenta:
- L'autore ha ritratto la vita di oggi usando una metafora: il vecchio edificio in rovina rappresenta la povertà che sta diventando sempre più diffusa, la maschera antigas è il simbolo dell'inquinamento ambientale e il preservativo raffigura il problema delle malattie infettive che sono diventate di recente un grave problema. Tuttavia, il fiore rappresenta l'ottimismo e ci fa sperare che saremo in grado di superare tutte queste difficoltà. Do la parola all'autore della foto.
Dopo un grande applauso, Pierino sale sul palco, si inchina e dice:
- Quando ho scattato questa foto, avevo in testa il seguente pensiero: fare l'amore usando il preservativo è come annusare un fiore attraverso una maschera antigas.


Prima di andare a letto, Pierino prega.
- O Dio, fai che da oggi l'Amsterdam sia la capitale della Svezia.
Lo sente la madre:
- Figlio mio, ma che preghiera è questa?
- Oggi abbiamo avuto una prova scritta di geografia.


La maestra chiede agli alunni chi di loro potrebbe descrivere il funzionamento dello Stato. Pierino alza la mano e ottiene la possibilità di esprimere la sua visione:
- Lo Stato è come una nave transatlantica nella tempesta. Il capitano è il presidente del consiglio e la ciurma sono i ministri.
- Bravo Pierino! Una bella spiegazione. E dove sono i cittadini?
- I viaggiatori sono i cittadini.
- E cosa fanno loro?
- Vomitano!


Pierino ha avuto un posto di lavoro in un museo, come guida. Non sapendo niente del lavoro che doveva svolgere, era costretto ad improvvisare ed inventare le cose. Davanti ad una vetrina dice ai visitatori:
- Questa è il teschio del famoso re del quindicesimo secolo, Pierin II.
Un visitatore gli rivolge una domanda:
- E questo teschio accanto, questo più piccolo, di chi è?
- Sempre suo, ma quando era bambino.


Pierino parla con un Giapponese a proposito dei valori della vita. Giapponese dice:
- Da noi il Giappone è al primo posto, dopo viene il lavoro e al terzo posto c'è la famiglia.
- Da noi invece è tutto al contrario: al primo posto viene la famiglia, dopo il lavoro e il Giappone è all'ultimo posto.


Pierino è arrivato tardi a scuola. La maestra pretende una giustificazione.
- Signora maestra, lei ci ha insegnato di rispettare i segnali stradali.
- E con questo?
- Ho visto uno dove è scritto: "Rallenta, scuola!"


Pierino va in farmacia e chiede due viagra. Il farmacista:
- Non le servono due, è sufficiente uno.
- Mi servono due!
- Le ripeto, uno è più che sufficiente.
- A me servono due.
- Allora, perché due?
- Stasera vengono da me due ragazze. Facciamo una cena romantica con la musica di sottofondo, qualche bicchiere di vino, ci accarezziamo e dopo facciamo una lunga notte, e mi servono due pillole per poter soddisfare entrambe.
Alla fine il farmacista gli vende i due viagra. Domani, Pierino entra nella stessa farmacia sfregandosi le mani. Il farmacista:
- Buongiorno. Come posso esserle utile oggi?
- Mi serve un balsamo per le mani.
- Come mai?
- Ieri sera non si è presentata nemmeno una.


Pierino ha comunicato alla madre che ha preso l'insufficienza in Italiano.
- Ma cosa hai scritto?
Pierino tira fuori il suo quaderno ed inizia a leggere:
- Un giorno vado a scuola e davanti a me vedo un pezzo di merda. La merda un po' verdastra, deve essere di Marco perché a lui piacciono tanto le verdure. Continuo la mia camminata verso la scuola e dopo un po' vedo un'altra merda. Questa qui di un colore marrone scuro; sicuramente apparteneva a Simone perché lui va matto per il cioccolato fondente. Vado avanti e ne trovo un'altra, molto, ma molto grande. Era sicuramente di Giovanni; è molto grasso e mangia tanto.
- Ma scusa Pierino, qual'era il tema del compito?
- Un vero amico si riconosce nel bisogno.


Pierino in azione

Pierino ha avuto un lavoro come guardia in un museo. Dopo un paio di giorni lo chiama il capo e gli dice:
- Non siamo contenti del tuo lavoro.
- Ma cosa volete da me? Lavoro qui da tre giorni e ho già venduto 2 quadri di Picasso.


Un amico chiede a Pierino:
- Tu sceglieresti una volta con Anna o due volte con Ivano?
- Sai, Anna è Anna, ma due volte sono due volte.


- Quando Pierino lava le mani, prima o dopo la pisciata?
- Durante!


Pierino e maestra scosciata

Papà scopre che suo figlio Pierino, di soli 11 anni, fuma.
- Ma figlio mio, sei appena in quarta elementare e già fumi.
- Ma papà, anche tu fumavi in quarta.
- E' vero, ma io avevo 18 anni.


Pierino parla con suo nonno. Un po' imbarazzato, gli chiede:
- Ma nonno, quando avevi 20 anni, quanto spesso facevi sesso?
Eh nipotino mio, quando mi ricordo quellii belli tempi, ero così giovane e me la spassavo da dio. Scusa cosa mi chiedevi? Ah, su sesso. Allora facevo MMS.
- Scusa nonno, ma MMS, cosa vuol dire? A quel epoca non esistevano i cellulari, specialmente non quelli che potevano fare le foto e i filmatini.
- Sta per Mattina, Mezzogiorno e Sera.
- Complimenti nonno, eri davvero un grande. Ma a 40 anni quanto spesso lo facevi?
- MMS!
- A 40 anni, ma nonno sei un fenomeno.
- Ma cosa hai capito. Era Martedì, Mercoledì e Sabato.
- Va be', ma direi comunque che non era male nemmeno quello. E a 60 anni?
- MMS!
- Eh, proprio niente male direi.
- Hai capito male Pierino. Sta per Marzo, Maggio e Settembre. Sai, durante il periodo estivo faceva troppo caldo, e quello invernale troppo freddo.
- Ma comunque te la cavavi in qualche modo. E adesso nonno, con i tuoi 80 anni, come fai.
- MMS!
A questo punto Pierino ha già capito come funziona il giochino e chiede al nonno:
- Allora, cosa vuol dire questa volta?
- Magari Mi Succede.


Pierino è stato invitato a cena da un suo amico di classe. E' arrivato da lui verso le 6 di pomeriggio e si sono messi a fare qualche partita di playstation e vedere un bellissimo cartone su Disney channel. Alle sette e trenta la madre dell'amico li chiama: "La cena è pronta". Sono andati a lavarsi le mani e sedersi a tavola. Il primo era un squisito piatto di tagliatelle con salmone. Pierino, visto che gli altri componenti della famiglia hanno iniziato subito a mangiare, chiede sottovoce al suo amico:
- Scusa, ma voi non pregate prima dei pasti?
- Perché? Non ti preoccupare, guarda che mia mamma è una brava cuoca.


Pierino torna dalla scuola e dice a papà.
- Papà, devi essere orgoglioso di me. Oggi sono stato l'unico della classe a saper rispondere ad una domanda che ci ha fatto la maestra.
- Bravo figlio mio! E quale era la domanda?
- Chi ha rotta la finestra?

Chuck Norris
Barzellette autunnali
Vignette
Le ultime
Al bar
Barzellette religiose
Figli
Alcool
Barzellette assurde
Le migliori
Barzellette divertenti
Anno Nuovo
Scherzi
Battute
Dottori
COVID
Dieta
Collezione barzellette