Barzellette

Barzellette
Pagina iniziale
Sesso
Barzellette Varie
Genovesi
Carabinieri
Ancora Barzellette
Sugli animali

Mailing Lista
una barzelletta gratis alla settimana

Foto Buffe


Casinò
Giochi
Barze
Detti Divertenti
Vostre Barzellette
Humor Nero
Barzellette su Pierino
Webmaster
Gay
Extracomunitari
Storielle Divertenti
Coraggioso
Elefanti
Barzellette bionde
Cani
Barzellette Nuove
Schifose
Barze sfuse
Fidanzati
Uomini
Donne
Barzellette illustrate
Mariti e mogli
Barzellette brevi
Link
barze L'esistenza di un essere umano è nello stesso tempo semplice e complicata. Per la complicatezza (ho verificato e la parola esiste) la responsabilità è quasi tutta nostra, perché spesso ci preoccupiamo delle cose e dei fatti che non succederanno mai, ma ci fanno male o semplicemente gli interpretiamo in modo negativo. Le barzellette girano la medaglia, per mostrarci l'altra parte, quella buffa, delle occorrenze accadute o delle congiunture che si sono create.


La figlia chiede:
- Mamma, tu volevi un figlio o una figlia?
- Figlia mia, io volevo soltanto stringermi i lacci.


Due maschi sono seduti in un bar. Uno dice all'altro ad alta voce:
- Sono stato a letto con tua madre.
Un improvviso silenzio si diffonde in tutto il bar. Tutti si sono fermati ed aspettano di sentire la reazione dell'altro. Dopo una decina di secondi, l'altro dice:
- Papà sei ubriaco! Andiamo a casa.


Dall'infanzia, di notte ho paura che c'è qualcuno che si nasconde sotto il mio letto. Dopo anni di sofferenza, ho deciso di visitare un psicologo. Gli ho detto:
- Ho un grande problema. Ogni volta quando vado a letto, ho la sensazione che qualcuno è nascosto sotto. Ho paura. Questa cosa dura da anni, da quando ero piccolo. Penso che tra un po' diventerò matto.
- Posso aiutarla. Deve venire da me 2 volte a settimana e dopo un anno il suo problema sparirà.
- Quanto mi costerà?
- Una terapia dura un'ora e costa 70 euro.
- Devo riflettere un po' e le farò sapere.
Da questa visita sono passati circa 6 mesi. Stavo camminando per strada, quando lo psicologo mi ha riconosciuto. Mi ha chiesto:
- Perché non è venuto più da me?
- Sa, 70 euro 2 volte a settimana e così per un anno, sono tanti soldi. Un barista mi ha risolto il problema per 8 euro, il costo delle 2 birre.
- Ma come è riuscito?
- Mi ha detto di segare i piedini del letto.


- Il nazionalismo si ferma quando inizi a guadagnare più di tre mila euro al mese, il femminismo quando non riesci ad aprire un barattolo e l'ateismo quando iniziano le turbolenze d'aria mentre ti trovi a bordo di un aereo.


Due amici:
- Mia moglie ha avuto un incidente con la mia Audi.
- Orribile! È ferita?
- Non ancora, si è chiusa a chiave nel bagno.


È morto un alto funzionario del Partito Comunista cinese. È stato proclamato un lutto di una settimana intera. Un cittadino chiama il Comitato Centrale:
- Mi scusi, volevo sapere se è permesso fare l'amore durante il lutto?
- Sì, ma unicamente con la propria moglie.
- Ma perché soltanto con la propria moglie?
- Così che il lutto sia ancora maggiore.


Nel ristorante di un albergo è seduto un uomo molto, ma molto grasso. Gli si avvicina il cameriere:
- La prima colazione era di suo gradimento?
- Molto buona, forse un po' troppo abbondante; ho fatto fatica a mangiare tutto.
- Signore, era una prima colazione a buffet.


- Lui pensava di avere il corpo dei Dèi greci, fino a quando lei gli ha spiegato che Buddha non è un Dio greco.


- Perché il Partito democratico organizza le primarie?
- Per poter finalmente far vincere un proprio candidato.

3 marzo 2019


- Su Marte forse c'è l'acqua, ma non c'è il Wi-Fi, pertanto non ci sono le condizioni per la vita.


Parlano due ubriaconi:
- Per te sarebbe più facile rinunciare alle donne o al vino?
- Dipende dall'annata.


Mezzogiorno. Il sole è nello zenit. Non si vede nemmeno una nuvola. Gino e Piero si sono persi nel deserto sahariano. Sono esausti e barcollano: non hanno mangiato e bevuto niente da più di 40 ore. All'improvviso, davanti vedono una moschea. Piero:
- Salvezza! Non c'è la facevo più. Chiediamo da bere e da mangiare.
Gino è perplesso:
- Sai che negli ultimi tempi i rapporti con il mondo islamico sono un po' tesi. Propongo di presentarci come due musulmani. Così saremmo più al sicuro.
- Guarda, per un po' di cibo io non cambio la religione. Se mi vogliono ammazzare, facciano pure, ma io non mi presento diversamente da come sono.
- Va bene, lascia fare a me. Mi presento come musulmano e tu sei mio amico. Speriamo che funzioni.
Entrano nella moschea. Gino si rivolge a imam:
- Io sono Mohamed e questo è mio amico italiano Piero. Ci siamo persi nel deserto. Da due giorni non beviamo e non mangiamo. Ti prego di offrirci qualcosa per salvarci dalla morte.
L'imam si gira verso il suo aiutante:
- Idriz, porta a Piero da mangiare e da bere e tu fratello Mohamed, sai che è Ramadan...


Marco è seduto in un bar. Davanti a lui una birra. Entra Giovanni, un suo amico, vede la birra sul tavolo, la prende e la beve. Marco inizia a piangere. Giovanni:
- Ma cosa c'è? Piangi per una birra?
- Guarda, è la peggior giornata della mia vita. Tutte le cose vano in modo sbagliato.
- Ma cos'è successo?
- Stamattina, torno a casa dal terzo turno di lavoro e trovo mia moglie a letto con un altro. Verso mezzogiorno mi chiamano quelli della ditta per comunicarmi che sono stato licenziato. Nel frattempo mia moglie è scapata con il suo amante e ha svuotato il conto corrente. Sono rimasto praticamente senza soldi. Ho deciso di suicidarmi perché la vita non ha più senso. Ho preso una corda per impiccarmi, ma la corda si è spezzata. Ho tirato fuori la pistola e ho provato a spararmi in bocca, ma la pistola si è inceppata. Sono uscito fuori e andato a stendermi sui binari, ma sai che da noi i treni sono spesso soppressi. E così, con gli ultimi euro che mi sono rimasti in tasca, ho comparto il veleno che ho versato nella birra, e tu me la bevi.


Qual è la differenza tra la delusione ed il panico?
- La delusione è quando ti accorgi per la prima volta che non c'è la fai la seconda volta.
- Il panico è quando ti accorgi per la seconda volta che non c'è la fai nemmeno la prima volta.


Su un famoso campo di tiro con l'arco, si sono trovati tre arcieri. Tra di essi c'era anche Pierino. Arriva il primo arciere, prende l'arco in mano, tira e fa centro! Si gira verso l'arbitro e con il sorriso da prepotente gli dice:
- I am William Tell!
Arriva il turno del secondo. Anche lui fa centro. Con un'espressione del viso simile a quella del primo arciere dice all'arbitro:
I am Robin Hood!
Alla fine arriva il turno di Pierino. Prende la mira, colpisce l'occhio del giudice e gli dice:
I am sorry!


Dopo avere visitato la moglie, un ginecologo si rivolge a suo marito:
- Sua moglie è incinta.
- Come incinta? Sono stato attento.
- Sa, è come nel traffico. Tu sei attento, altri no.


Marito e moglie guardano un incontro di pugilato. Lui:
- Sono proprio deluso. Tutto finito in due minuti.
- Adesso sai come mi sento io.


Barzellette
Brevi storie scritte o raccontate che fanno ridere le persone in quanto si basano su un epilogo inaspettato, un'interpretazione alternativa, un doppio senso, oppure per l'assurdità dell'accaduto. Spesso sono presenti gli elementi ironici e sarcastici. L'abbreviazione spesso usata per le barzellette è barze.
Chuck Norris
Barzellette autunnali
Vignette
Le ultime
Al bar
Barzellette religiose
Figli
Alcool
Barzellette assurde
Le migliori
Barzellette divertenti
Anno Nuovo
Scherzi
Battute
Dottori
COVID

Forex Online : Casinò Online